A Longobardi al via la seconda edizione della “Minestra”

A Longobardi al via la seconda edizione della “Minestra”

Agosto 6, 2022 Off Di Adminb


Prende il via domani, nel centro storico di Longobardi, la seconda edizione della Minestra, manifestazione organizzata dall’Associazione Gynestra.

Laboratori, spettacoli teatrali, talk, street art e body painting, banchetti con esposizioni artigianali, esibizione queer, mostre e installazioni, musica dal vivo e dj set caratterizzeranno l’evento, che si svolgerà in alcune delle aree principali del centro storico, raggiungibile anche con la navetta messa a disposizione dalla ditta Preite. Da piazza San Francesco, a piazza Santa Domenica, fino a piazza Garibaldi, coinvolgendo anche Palazzo Pellegrini, palazzo storico di Longobardi, teatro Don Silvio Celaschi, e via indipendenza, conosciuta dai longobardesi come ‘A Serra.

Le “incursioni” nel centro storico prenderanno il via a partire dalle 19:00, con il body painting a cura di Tina Colao, che con le sue opere dipinte su corpo che diventa tela, vuole trasmettere i principi della lotta contro ogni pregiudizio.

Varie le installazioni artistiche presenti, come “La lente del corpo”, risultato del laboratorio fotografico tenuto nei giorni scorsi da Valentina Procopio, che sarà presente in gran parte dello spazio cittadino, dalla marina al centro storico. Mentre via indipendenza sarà la cornice che ospiterà tre mostre: Il corpo che abito, di Valentina Procopio; Come mare fuggo, fluttuo. Ritorno di Federica Giglio, in arte In buona Fede; Sinestesie, di Federica Armeni, in arte Octopus Vision.

Inoltre saranno presenti anche stand di esposizioni artigianali provenienti dalle varie province calabresi: Microfattoria Mere’, con saponi, ceramiche e prodotti di eco artigianato; Mauscarf, con accessori in tessuto e patterns ispirati alla natura; Lullo Clay, pezzi d’arte ceramica, di pittura e d’artigianato; la libreria Ubik di Cosenza.

Senza dimenticare la parte food and drink, con prodotti del territorio e la bibita locale Calafrisca.

A partire dalle 19:30 il laboratorio di disegno per bambine e bambini cura di Mario Pellegrino, mentre alle 20:00 ci sarà la performance di danza contemporanea sperimentale e teatro danza “Oikos, l’eco di un ritratto” a cura di Sara Ubbiali, risultato del laboratorio che si terrà nella mattinata presso il teatro Don Silvio Celaschi.

Lo stesso teatro ospiterà la proiezione “Il circo senza tetto” della Compagnia della vecchia Lampisteria, a partire dalle 20:30, che lascerà lo spazio, dalle 22:30 alla proiezione di “Banana in compagnia” e all’installazione interattiva “Prendete e mangiatene tutti” a cura del Collettivo Virago.

Dalle 21:00 sul palco in piazza Garibaldi, talk sul trasformismo con Eva Kernel, mentre a partire dalle 22:00 musica dal vivo con il format Marley Session Open Mic, che sotto la guida di Francesco Morrone vedrà esibirsi vari artisti della scena indipendente italiana: Rosita Brucoli, L’Ennesimo, Altea, Paola Pizz, e la band Calura.

Palazzo Pellegrini ospiterà invece la performance Chinò e il mare, in cui testi poetici si incontrano con il vento diventando musica.

Chiuderanno la serata lo show queer di Eva Kernel e il dj set di Lady Mi-Fi.

«La finalità di Minestra è la riattivazione di un’area marginale attraverso il coinvolgimento degli e delle abitanti permanenti e transitori del luogo nella preparazione e nella fruizione dell’evento stesso, offrendo un punto di vista del paese che ne valorizzi il potenziale umano e naturale e che ne fornisca una chiave di lettura contemporanea, artistica e complessa» dicono le componenti dell’associazione Gynestra, che persegue come obiettivo l’inclusione sociale e la parità di genere, operando una scelta bilanciata nella rappresentazione di genere, portando all’interno dell’evento performer, attiviste e attivisti che svolgono attività artistiche su temi inclusivi, sociali e femministi. (rcs)



Source link