Dieselgate, nuove carte con pesanti accuse ai “gioielli” della Vm



Indagini sul decennio scorso I manager Sabbioni e Pasini sono pilastri della sezione Ricerca e sviluppo centese. L’accusa: «Motori venduti grazie ai software di controllo emissioni»CENTO. Sta diventando sempre più centese e marcato Vm il dieselgate dipinto dall’autorità giudiziaria del Michigan. La figura dei nuovi incriminati Gianluca Sabbioni e Sergio Pasini, di Sala Bolognese il primo e ferrarese il secondo, entrambi ai vertici della Ricerca e sviluppo della fabbrica di motori centese dagli anni Novanta, e le novità contenute nel…



Leggi tutto dalla fonte

Superoffertedelgiorno
Logo