Multimasking, cos’è? I benefici delle maschere viso

Multimasking, cos’è? I benefici delle maschere viso

Aprile 27, 2022 Off Di Adminb


K-Beauty non è solo una sigla per indicare una tendenza skincare che arriva dalla Corea, ma una vera e proprio garanzia. D’altra parte, molti dei trend di bellezza sbocciati negli ultimi anni – non ultimi i prodotti fermentati – sono giunti proprio dalle beauty addicted della Corea del Sud. E, ovviamete, il multimasking non fa eccezione. 

Cos’è? Una tendenza che si basa sull’idea che per la bellezza sia necessario prendersi cura adeguatamente della pelle. Ecco perché, secondo il multimasking, una sola maschera viso non è sufficiente per il viso.

Basti pensare alle innumerevoli necessità della pelle. Alla zona T, ad esempio, occorrono formulazioni che riducano l’effetto lucido e contrastino il sebo, mentre per le guance occorre un booster di idratazione. Per non parlare della zona del contorno occhi, bisognosa di luminosità e di un effetto anti-stanchezza. O del contorno labbra, che deve combattere la comparsa delle prime rughe.

E se un’unica maschera viso non può risolvere tutti i problemi della pelle, la soluzione è applicare più d’una. In fin dei conti, il multimasking non è che un mix&match personalizzato.

 

multimasking

PEXELS

Multimasking: l’importanza della maschera viso

La maschera viso si è ormai affermata come uno dei momenti chiave nella skincare. Un cosmetico dalla duplice funzione: concedere un momento di relax alla mente e, contemporaneamente, prendersi cura in modo mirato della grande varietà di esigenze della pelle. Esistono, inoltre, tipologie adatte a ogni necessità e, soprattutto, a tutti i gusti: oltre alle formule cremose, infatti, esistono pratiche maschere in tessuto o piccoli patch da mettere anche in valigia.

multimasking

UNSPLASH

Apprezzata in tutto il mondo per la sua efficacia, la maschera viso è diventata anche un simbolo del tempo che si dedica alla cura di sé, consacrando qualche minuto alla settimana a una pausa di benessere. Ed è qui che entra in gioco il multimasking, la strategia migliore per ottimizzare al massimo il potere della maschera viso.

Cos’è il multimasking e perché funziona

Basta guardare con attenzione la pelle del viso e apparirà subito chiaro: le varie zone del volto hanno una cute piuttosto diversa. Qualche esempio? La zona del contorno occhi è quella probabilmente più soggetta alle rughe e, in qualche caso, segnata da borse e occhiaie. L’area del mento, invece, è quella più di ogni altra dovrà fare i conti con le impurità, brufoli e punti neri in primis. Specie di questi tempi, con le mascherine per contrastare il Covid-19 che soffocano la pelle. Quanto alla zona T, ovviamente, il problema principale è il controllo della lucidità.

Ecco spiegato il potere del multimasking: applicando maschere diverse sul volto, si potrà rispondere in modo mirato a ogni esigenza. Trasformando la skincare in un’operazione estremamente semplice.

multimasking

PEXELS

Multimasking, una soluzione per ogni esigenza

I benefici del multimasking consistono nella possibilità di utilizzare più maschere viso allo stesso tempo: una per ogni esigenza della pelle. Il vantaggio è duplice. Da una parte si regala un booster di benessere personalizzato a ogni zona del viso, massimizzando i risultati della skincare routine, dall’altra si evita di applicare il trattamento sbagliato e, per esempio, seccare le aree del viso che più avrebbero bisogno di idratazione o illuminare i punti che si vorrebbe opacizzare.

Istruzioni per l’uso e qualche consiglio per il multimasking perfetto

Prima di procedere con il multimasking è importante esaminare le necessità della pelle per valutare le soluzioni migliori.

Il primo step di una skincare routine basata sul multimasking, perciò, dovrà essere davanti allo specchio. Esaminando da vicino la pelle sarà possibile valutare i suoi bisogni: è secca o lucida? Ci sono molte imperfezioni o è il grigiore il vero problema?

Si tratta di un’operazione che è utile ripetere di tanto in tanto. La pelle del viso, infatti, è lo specchio di tutti i cambiamenti della vita: dal sole all’inquinamento, passando anche per ormoni, stress e cambio di stagione.

UNSPLASH

UNSPLASH

Una volta registrate le necessità della pelle si può procedere con la selezione dei prodotti più adatti. Ovviamente, prima di applicarli secondo la logica del multimasking, è importantissimo rimuovere bene ogni residuo di make-up e detergere a fondo la pelle.

Purificare la zona T

La cosiddetta zona T del viso è quella che comprende la fronte, il naso e il mento. Nella maggior parte dei casi presenta una pelle leggermente più grassa e lucida rispetto al resto del volto. Per prendersi cura di questa zona, perciò, l’ideale sono prodotti purificanti come una maschera all’argilla. Se si vogliono liberare i pori dalle impurità, invece, può essere preziosa una maschera peel off al carbone, da applicare su fronte e mento. Sul naso, invece, è bene valutare un cerottino contro i punti neri.

multimasking naso punti neri maschera

PEXELS

Attenzione alle zone da idratare e nutrire

Applicare a tutto il viso prodotti purificanti rischia di seccare zone che non ne hanno bisogno. Ecco perché il multimasking permette di ottenere il massimo dalla beauty routine aggiungendo prodotti dedicati all’idratazione e al nutrimento, ma solo per le parti del volto che lo richiedono. Di solito si tratta delle guance e della parte più alta della fronte. Ma è bene ricordare che anche collo e décolleté hanno bisogno di qualche attenzione.

In questi casi, l’ideale è affidarsi a maschere nutrienti, magari con ingredienti di origine vegetale come aloe o avocado. Via libera anche al collagene o all’acido ialuronico, specie per chi vuole contrastare in modo più deciso i segni dell’età.

Il multimasking non è completo senza un focus sul contorno occhi

Per eliminare le rughe del contorno occhi, sono tantissimi i prodotti tra cui scegliere: anche in questo caso, però, è fondamentale avere bene a mente le necessità della propria pelle. I patch, ad esempio, sono un ottimo rimedio express contro occhiaie e disidratazione. Le maschere in crema, invece, sono l’ideale per ottenere un effetto antiage. Da non sottovalutare, poi, le formulazionie specifiche per illuminare la zona perioculare e contrastare occhiaie e segni di stanchezza.

multimasking maschera viso antirughe occhi

UNSPLASH

Multimasking all inclusive? C’è anche la maschera per i capelli

Multimasking significa prendersi cura della pelle dalla testa ai piedi. Ecco allora che, nel trattamento, dovrà essere inclusa anche una maschera per cuoio capelluto e capelli. L’ideale per regalare una coccola in più alla chioma. Un’attenzione importante soprattutto durante l’estate: i capelli saranno più forti e resistenti, pronti a far fronte a sole, vento e salsedine.

E se non siete ancora soddisfatte, considerate di aggiungere alla routine anche qualche maschera per il corpo, da quelle per il lato B ai patch per il seno. Scoprite nella gallery le migliori maschere viso per dedicarvi al multimasking creativo.

Amica ©RIPRODUZIONE RISERVATA





Source link