Tre soluzioni per dimagrire senza dieta ipocalorica

Tre soluzioni per dimagrire senza dieta ipocalorica

Febbraio 27, 2022 Off Di Adminb


Esistono delle soluzioni per dimagrire senza dieta ipocalorica e senza fare attività fisica? Ebbene sì, e te ne indico tre che sono state dimostrate scientificamente. Lo so, adesso mi farai la classica battuta: basta non mangiare! Oppur: mettersi un cerotto in bocca! Ma siamo seri: pensare di rinunciare al cibo per dimagrire è improponibile.
Ma per molti anche mettersi a dieta o fare attività fisica è qualcosa di inconciliabile con il loro attuale stile di vita, per una serie di ragioni che sarebbe stupido sottovalutare o peggio, denigrare. Tra queste, infatti, c’è lo stress, ci sono i ritmi di lavoro, c’è la famiglia.
Allo stesso tempo, non esistono soluzioni naturali per dimagrire senza dieta: gli integratori, che comunque non sono adatti a tutti, vanno sempre associati a una dieta ipocalorica.

Invece il mio obiettivo di oggi è illustrarti tre modi per dimagrire senza dieta che sono considerati efficaci anche dalla scienza.
Ovviamente la bacchetta magica non esiste e io vorrei tanto essere una fatina che esaudisce i tuoi desideri: ma anche qui, poiché magie o miracoli non esistono, devo avvertirti.
C’è bisogno un po’ di impegno da parte tua per riuscirci, anche se questo impegno non riguarda seguire un menu o mettersi un paio di scarpe da ginnastica: significa applicarsi.

In una settimana al massimo puoi incorporare queste tre soluzioni per dimagrire nel tuo stile di vita: lo sforzo per ricordarti ogni volta di seguire prima che diventino un’abitudine.  Però ne vale assolutamente la pena, perché come ti ho detto funzionano.

Tre soluzioni per dimagrire senza dieta ipocalorica

1) Mangiare più fibre.

Mangiare più fibre può ridurre le calorie assorbite tramite l’alimentazione, e non serve neanche mangiare solo versioni integrali dei prodotti che consumi di solito, come la pasta, per riuscirci. Devi sapere che solo mangiando più fibre si fa un taglio di 150 calorie giornaliere, che le fibre riducono il rischio di  demenza senile e il rischio cardiovascolare e di diabete.

Uno studio apparso su The Annals of Internal Medecine ha scoperto che basta mangiare 30 grammi di fibre giornaliere per perdere poco più di 2 chili all’anno: considerato che nessuno dei partecipanti ha fatto altro, gli scienziati concludono che le fibre da sole funzionano per perdere peso.

via GIPHY

Alimenti ricchi di fibre sono i legumi, la crusca, la farina degrassata di cocco che puoi usare per realizzare dolci come questo o questo, i cereali in chicco come il riso integrale, l’avena, l’orzo, la segale e gli all bran a colazione oppure il porridge.  L’alimento che contiene più fibre in assoluto è la semola di mais, con cui puoi realizzare una polenta in pochissimi minuti.

Un trucco per aumentare i risultati esiste.

Basta mangiare pasta shirataki, che contiene una fibra molto importante per il benessere intestinale, il glucomannano o konjac, per perdere più facilmente peso, 4 volte a settimana. La pasta va condita con un sugo ristretto a tuo piacimento, e soprattutto non supera le 10 calorie a porzione (condimento a parte) e contiene 3 grammi di glucomannano. In 4 settimane chi assumeva il glucomannano nelle dosi di 2 grammi al giorno perdeva un chilo e mezzo. Qui i dettagli su tutti i prodotti e dove acquistarli. 

via GIPHY

Con 4 porzioni settimanali di pasta di konjac o prodotto analogo (pane o riso o lasagne di konjac) arriveresti a 12 grammi settimanali, quindi 1,7 giornalieri.  Dunque se introduci uno dei cibi che ti ho elencato, legumi, pane di segale, avena, riso integrale, semola di mais o farina di cocco ogni giorno, mangi frutta e verdura ogni giorno e quattro volte a settimana sostituisci il primo piatto con pasta o riso shirataki, perderesti in media un chilo al mese solo considerando l’apporto di fibre. Se pensi che mangiando gli shirataki ridurresti inoltre le calorie del primo piatto, perdi senza dubbio di più peso.
Ma se anche ti limitassi soltanto agli shirataki 4 volte a settimana e seguissi le altre due soluzioni, be’, perderesti non meno del doppio. Quindi almeno mezzo chilo a settimana.

2) Dormire di più.

Lo avrai sentito migliaia di volte che dormire di più fa perdere peso. Un medico tedesco fa dimagrire così i suoi pazienti, senza cambiare di una virgola il loro regime alimentare. La scienza gli dà ragione.

via GIPHY

Un nuovo studio ha infatti dimostrato che dormire abbastanza ore per notte, non meno di 7 ore e mezza, fa mangiare meno di circa 270 calorie al giorno.
Questo perché si ha meno fame e si bruciano più calorie da svegli.
So che per molti è difficile imparare ad andare a letto presto, ma si può provare ad andare a letto prima di mezzora ogni due o tre giorni per abituarsi, e da lì incrementare. Prendere del magnesio la sera aiuta molto.

3) Masticare più a lungo.

Questa è la cosa più difficile da imparare come buona abitudine, ma è davvero efficace.

via GIPHY

Esiste una miriade di studi sugli effetti della masticazione sul dimagrimento. Pensa a quanto tempo avresti risparmiato nella tua vita (e a quante delusioni) se al posto di provare l’ennesima dieta avessi imparato a masticare più a lungo ogni boccone. Sì, perché è una cosa che si impara a fare.
E, cavolo, una volta acquista l’abitudine, hai solo vantaggi.
Riduci la fame, le carenze nutrizionali, il gonfiore addominale, bruci più calorie (incredibile ma vero: più mastichi e più energie spendi) e tutto questo solo ricordandoti di masticare ogni boccone per 30-40 secondi a volta.
Lo so, è facile dimenticarsene. Per questo ti consiglio per 7 giorni di appiccicare un foglio o post-it sul tavolo in cui mangi, di modo da favorire l’automatismo.



Source link